Ottava Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate: il Centro

Dopo avere parlato di cosa si organizza al nord per l’Ottava Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, che cade l’8 marzo, passiamo alle regioni del Centro.
La Toscana non si tira indietro e primeggia: tre eventi nell’area maremmana (due solo a Volterra!) e tre verso Pisa, più altri tra Siena, Lucca ed Arezzo. Personalmente trovo interessante la passeggiata lungo la ferrovia dismessa delle miniere di Murlo, un anello di circa 13 km, che percorre il sentiero turistico creato lungo la tratta ferroviaria delle miniere e che tocca anche la Pieve di San Michele Arcangelo (Montepertuso).
Nelle Marche una sola cosa, ma di grossa rilevanza. Dalla stazione di Urbino parte un’escursione lungo un percorso affascinante, ricco di spunti paesaggistici, con viste stupende: Vittorio Sgarbi terrà una lectio magistralis sul valore del paesaggio urbinate celebrato dai Maestri Pittori del Rinascimento.
In Umbria tra le molteplici passeggiate in programma spicca quella lungo il percorso della vecchia strada Valnerina, parallelo al tracciato della Ferro-Tranvia Terni-Ferentillo, alla scoperta del paesaggio culturale e ambientale della Valle del Nera. L’itinerario parte dal Belvedere Inferiore della Cascata delle Marmore e risale il corso del Fiume Nera fino ad Arrone e comprende la visita del borgo di Castel di Lago.

Ponte ferroviario Sulmona - Carpinone

Ponte ferroviario Sulmona – Carpinone

Il Lazio non offre molto, nonostante ci siano molti spunti interessanti. Una conferenza ed una mostra presso la Ferrovia-Museo della Stazione di Colonna ex linea Roma – Fiuggi.
Il Molise vince facile. Parte una delle più belle linee di tutta la penisola, la Transiberiana d’Italia, che mi piace tanto. A bordo delle carrozze d’epoca Centoporte e Terrazzini, con partenza da Isernia alle ore 10:00 si percorre l’intera ferrovia, con piccole soste intermedie lungo la linea tra cui Rivisondoli-Pescocostanzo, a 1268 mt. s.l.m., la stazione più alta della rete ferroviaria di RFI dopo quella del Brennero sulle Alpi, sosta pranzo a Palena e discesa fino a Sulmona. Treni regionali in coincidenza all’andata e al ritorno da e per Roma e Campobasso.
In Abruzzo invece si guarda il mare con il percorso sulla vecchia linea ferroviaria dismessa che da San Vito Chietino porta ad Ortona a mare, 10 Km senza dislivelli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>