Un treno fai da te: il norry

Tutti ci siamo almeno una volta lamentati dei treni: ritardi, sporcizia, scarso comfort, soppressioni sono i motivi più gettonati.
Ed in tanti, io compreso, sono quelli che scuotono la testa sconsolati davanti alla dismissione e all’abbandono delle linee ferroviarie locali.
In Cambogia, nella regione di Battambang, hanno risolto questo problema.
Il norry (storpiatura nella lingua locale dell’inglese lorry, cioè camion), chiamato anche Bamboo train, è uno speciale mezzo di locomozione, una sorta di treno fai da te che normalmente può arrivare alla velocità di 50 km/h.
La situazione ferroviaria in Cambogia, ed in particolare in questa regione, è a dir poco disastrosa: il servizio di linea gestito dal governo, un treno alla settimana, è talmente lento da viaggiare quasi a passo d’uomo, e poco affidabile a causa di frequenti deragliamenti e guasti . Questo perchè la rete ferroviaria, originariamente costruita dai coloni francesi, è in gran parte abbandonata dai tempi della dittatura dei Khmer Rossi, con tutto ciò che comporta in termini di manutenzione. Gli unici a funzionare bene in queste condizione sono i norry.
Sono infatti dei mezzi così semplici da risultare rudimentali: un telaio di legno, ferro o bambù, solitamente di quattro metri per due, viene appoggiato su due assi ferroviari che scorrono lungo i binari. Un motore, usato per piccoli mezzi agricoli, è collegato ad una cinghia che trasmette il moto ad un solo asse ed il sistema frenante è manuale e agisce sulla cinghia di trasmissione.

A bordo del norry

A bordo del norry

Lungo la tratta ferroviaria ognuno in possesso di questo semplice mezzo può installare il proprio treno e muoversi in direzione est o viceversa. Il servizio è ufficialmente illegale, ma per molti abitanti della vasta campagna cambogiana è il mezzo di trasporto più comodo e veloce. Dal momento che la linea è a binario unico può capitare che due norry provenienti da direzioni opposte si incontrino: in questo caso la tradizione vuole che sia quello con minore carico ad essere scaricato, smontato e posto di nuovo sulle rotaie dopochè l’altro è passato.
Questo mezzo di locomozione ha avuto origine durante la guerra in Cambogia, anche se non è facile dire quale. La guerra civile vera e propria è iniziata nel 1967 e terminata nel 1975. Seguono 4 anni di dittatura dei khmer rossi, che termina con l’invasione vietnamita del 1978, e relativa guerra fino al 1989; e prima del 1967 la situazione non era certo rose e fiori.

Rapido da smontare

Rapido da smontare

In ogni caso in uno di questi periodi di guerra i treni iniziarono a muoversi armati e corazzati: le prime carrozze dopo la locomotiva erano pianali su cui venivano posti i nidi di mitragliatrici. Chi voleva viaggiare qui non pagava biglietto e chi sceglieva la carrozza vicina solo la metà: nonostante gli ovvi altissimi rischi questi posti erano sempre pieni.
Viene da domandarsi perchè non legalizzarlo in qualche forma sulle nostre linee minori dismesse!
Dopodomani avrò il piacere di intervistare per la prima volta Silvia Moggia che è stata in Cambogia, viaggiando anche su un norry, e lo ha raccontanto qui. Questo è un appuntamento che si ripeterà altre volte, data la propensione a splendidi viaggi in giro per il mondo di Silvia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>