True Detective: finale in stazione

La seconda stagione di True Detective, quella che tutti definiscono serie rivelazione, è appena terminata. E una delle scene cardine, quella in cui tutti i fili si annodano, di questo finale era ambietata in una stazione.
Mi levo subito il dente dicendo che non mi è piaciuta: troppi personaggi, troppa carne al fuoco, troppi segmenti narrativi che alla fine si sono dimostrati superflui, almeno secondo me. Magari in questo influisce anche l’ambientazione: tanto mi ha affascinato l’umida, calda e soleggiata Lousiana, quanto mi lascia indifferente il mondo dei sobborghi urbani della California.
Il finale no, quello mi è piaciuto: secco, dinamico, grandi inquadrature… ed una stazione da mille ed una notte!
True_Detective_train_stationQuella che in True Detective appare come la stazione ferroviaria di Vinci è in realtà l’Anaheim Regional Transportation Intermodal Center (acronimo: ARTIC), e si trova ad Anaheim, città di 336.265 abitanti nella Contea di Orange (cioè O.C. e se siete abbastanza grandicelli in testa vi sarà partita subito la sigla di forse l’ultimo buon teen drama statunitense realizzato), e fa parte dell’area metropolitana di Los Angeles.
Come si legge dal nome ufficiale, non è proprio una stazione ferroviaria, ma molto di più: questo centro intermodale di trasporto è al contempo stazione per i treni della Amtrak e per quelli pendolari di Metrolink, stazione degli autobus utilizzata dalla Orange County Transportation Authority (OCTA), Greyhound, Anaheim Resort Transit (ART), e Megabus, è adiacente alla California State Route 57, ed è direttamente raggiungibile in bicicletta dal River Trail Santa Ana, una pista ciclabile (dove si può anche camminare o correre a piedi) lunga per ora 110 chilometri.
In treno, in autobus, a piedi, in bici ed in macchina: un vero hub per i trasporti terminato nel 2014.
True_Detective_train_stationQuello che colpisce di più, inutile negarlo, è la grande copertura a volta (di circa 19.000 metri quadrati) che se di giorno permette passi la luce solare per illuminare gran parte dell’edificio, di notte può essere illuminata da 1354 lampadine al alta efficienza energetica. L’ingresso della struttura è una parete di vetro alta 37 metri che porta ad un ambiente disposto su tre piani. Al piano terra intorno all’atrio ci sono chioschi, negozi e i punti vendita dei biglietti, oltre all’accesso alle pensiline per gli autobus. Il secondo piano ospita due ristoranti e gli uffici. Il terzo piano, quello dove si svolgono le scene chiave di True Detective, è un’area di attesa dove c’è il passaggio per arrivare ai binari della ferrovia.
New_Anaheim_Amtrak_Station_InsidePer questi 6.200 metri quadrati di edificio, ed un intervento che ha trasformato un’areadi sei ettari e mezzo hanno speso 185 milioni di dollari (contro i 120 preventivati) ed impiegato due anni. Non risultano speculazioni o casi di corruzione, che invece la fanno da padrone in True Detective, dove una delle molteplici sotto-trame riguarda proprio un corridoio ferroviario.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>