Il treno degli Impressionisti

L’invenzione di un treno degli impressionisti dimostra, se ce ne fosse bisogno, che quando si parla di treni noi dai francesi abbiamo molto da imparare.
Hanno inventato l’Alta Velocità low cost con Ouigo.
Di una ferrovia dismessa hanno fatto quel capolavoro che è la Promenade plantée.
Recentemente hanno messo a disposizione dei pendolari una biblioteca da 100.000 volumi.
Volevate non fossero in grado anche di elaborare treni tematici?
Ed infatti, da aprile a settembre 2016, torna per il secondo anno, e presumo diventerà un appuntamento fisso in futuro, il treno degi impressionisti, un convoglio turistico che in un solo giorno tocca alcuni dei luoghi più significativi di questa corrente artistica, che ha ancora oggi tanti estimatori.
Questo treno speciale, in funzione solo nei week-end, parte a Parigi dalla gare di Saint Lazare, non per nulla oggetto di dodici quadri di Monet.
Da questa stazione il treno degli impressionisti si dirige verso singole destinazioni.
treno_impressionisti_2La prima tappa è la stazione di Vernon-Giverny nell’Alta Normandia: nel minuscolo villaggio di Giverny Monet visse dal 1883 al 1926, si trova la sua casa, che oggi ospita la Fondation Claude Monet, ed il Musée des impressionnismes. Scesi dal treno c’è la navetta che porta in ambedue i luoghi, così potete passeggiare nel giardino con le ninfee ritratto in moltissimi quadri.
Se non volete andare a Vernon-Giverny potete prendere il treno degli impressionisti che punta su Rouen. Qui si visita la cattedrale, dipinta trenta volte da Monet in vari periodi dell’anno ed ore del giorno, per capire gli effetti della luce sulle sue architetture ed il Museo delle Belle Arti, con quadri tra l’altro di Pisarro, Monet, Degas, Renoir.
Infine, tappa aggiunta nel 2016, Le Havre, il cui centro è patrimonio mondiale dell’Unesco ed il cui porto è stato più volte dipinto da Monet e da altri impressionisti quali Boudin e Beggrov. Essendo la novità di quest’anno, i dettagli non sono ancora stati rivelati.
Tutto compreso (treno, navette, ingressi senza fare coda ai musei), il treno degli impressionisti costa circa 50 euro.

"Arrivo di un treno", Claude Monet

“Arrivo di un treno”, Claude Monet e la stazione di Saint Lazare

Poichè questi francesi sono gente seria, e sanno che il contenitore vale spesso quanto il contenuto, il treno degli impressionisti non è composto da normali carrozze!
Esternamente sono decorate con riproduzioni di opere di Monet e Pisarro, mentre al suo interno sono presenti pannelli illustrativi sull’Impressionismo e sui principali esponenti di questa corrente.
treno_impressionisti_1Come si vede dalla foto dell’interno, si tratta di una carrozza sul genere dei nostri semplici Minuetto, treni a due piani che noi usiamo come convogli regionali nelle ore di punta. Averla ripensata, ed alla grande lasciatemi dire, puntando su una decorazione in tema con il viaggio è semplicemente qualcosa di eccellente!
I miei complimenti alla regione Normandia, che ha puntato sul turismo ferroviario e ha realizzato un percorso ed un treno semplicemente invidiabile!
Naturalmente se il Veneto volesse puntare su un Treno di Palladio, il Piemonte su un Treno dei Savoia, l’Emilia su un Treno del Rinascimento, la Toscana su un Treno dei Medici… ok, mi sa che sto sognando, vero?

Un pensiero su “Il treno degli Impressionisti

  1. Pingback: La Parigi degli Impressionisti: 6 tappe per un itinerario | Maraina in viaggio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>