Le strade ferrate del gusto

Treni storici e buon cibo: binomio perfetto che si realizza nell’iniziativa de “Le strade ferrate del gusto” organizzata dalla Fondazione FS Italiane. Non per nulla siamo nell’anno dell’Expo dedicata all’alimentazione!
Si tratta di una serie di eventi speciali lungo tutta Italia (sono coinvolte fino alla fine di ottobre le regioni Piemonte, Lombardia, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna), con temi dedicati alle eccellenze enogastronomiche tipiche di quei territori.
La formula, secondo me vincente, è facilmente intuibile: si unisce al viaggio lungo itinerari percorsi a bordo di carrozze d’epoca, che in maniera volutamente lenta attraversano i territori per apprezzare i suggestivi paesaggi, con manifestazioni e degustazioni di prodotti enogastronomici tipici dei luoghi dove il treno arriverà.

Sarà forse scomoda, ma com'è affascinante

Sarà forse scomoda, ma com’è affascinante

Questa domenica tocca agli amici della Transiberiana d’Italia con “Il treno delle cipolle”: da Sulmona ad Isernia, per permettere ai viaggiatori di partecipare all’antichissima Fiera delle Cipolle nel cuore del Molise e avranno la possibilità di conoscere le bellezze artistiche del capoluogo pentro, tra cui il centro storico, la città sotterranea e il Museo Nazionale del Paleolitico.
Ad agosto non si viaggia, poi la corsa riprende.

  • 20 settembre 2015 – “Il treno del formaggio”, da Torino Porta Nuova a Bra, con un itinerario alla scoperta delle varie forme del latte.
  • 27 settembre 2015 – “Il treno del cioccolato”, da Catania a Siracusa e Modica, con un percorso tra il barocco e il cioccolato modicano.
  • 4 ottobre 2015 – “Il treno della toma e delle miacce” da Milano Centrale a Varallo Sesia , lungo un itinerario tra i sapori dei prodotti tipici valsesiani.
  • 18 ottobre 2015 – “Il treno delle castagne” da Taranto a Potenza e Melfi, con un viaggio tra Puglia e Basilicata alla scoperta della Varola.
  • 25 ottobre 2015 - “Il treno del sale e del pesce” da Cagliari a Carbonia, alla scoperta degli itinerari del pesce a Sant’Atioco.

E’ obbligatoria la prenotazione scrivendo a prenotazioni@fondazionefs.it o chiamando il numero 329-3377576 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, dal martedì al giovedì anche dalle 14 alle 18).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>