Settima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate: il Sud

Per la Settima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate il Sud Italia, con le sue bellissime linee che si arrampicano sui monti o tagliano pianure soleggiate, offre moltissime iniziative.
In Abruzzo, terra dove corre la Transiberiana d’Italia, a Casa Nanni ci sarà l’inaugurazione della mostra fotografica “Transiberiana d’Italia, la bella abbandonata” del fotografo-macchinista Carlo Pavone e domenica una camminata dalla stazione di Campo di Giove fino a quella di Campo di Giove Maiella, per portare attenzione al destino della linea. A Civitella Roveto ci sarà un dibattito sulla Avezzano – Roccasecca con proiezione del docu-film di Antonello Caporale ‘La vita è un treno’ e presentazione del libro di Riccardo Finelli ‘Coi binari tra le nuvole’. A Porto di Vasto invece si parlerà dell progetto ve.le (ciclovia Venezia – Lecce) e del progetto della pista ciclabile della riserva di Punta Aderci mentre lungo l’ex tracciato ferroviario nella Riserva Naturale regionale di Punta Aderci è organizzata una escursione.
In Molise, che condivide la Transiberiana d’Italia con l’Abruzzo, si terrà alle ore 17 un incontro con Antonello Caporale presso la ex rimessa locomotive di Isernia, oggi denominata Officina della Cultura. L’incontro sarà incentrato sulla presentazione del docu-film “La Vita è un Treno”, realizzato, per Il Fatto Quotidiano dal giornalista Antonello Caporale, per la regia di Enzo Monteleone. L’incontro dibattito sarà preceduto, alle ore 16:00, dalla presentazione al pubblico, presso l’adiacente Officina del Tempo Libero, del rinnovato museo di cultura ferroviaria allestito dall’associazione Le Rotaie Molise.

Ponte ferroviario Sulmona - Carpinone

Ponte ferroviario della Transiberiana d’Italia

In Campania da Salerno si parte per Buccino e da lì inizia una passeggiata dalla stazione di Pertosa a quella di Polla lungo questa tratta ferroviaria “temporaneamente chiusa all’esercizio” ormai dal lontano 1987. In Irpinia si potrà passeggiare lungo la Avellino-Rocchetta, mentre da Centola si percorrerà il ramo dismesso della vecchia tratta Salerno – Reggio Calabria attraverso la valle del Mingardo. Gli amanti della bici potranno pedalare lungo un tratto della rete ferroviaria che attraversa la costa Cilentana, tra i paesi di Pisciotta, Palinuro, e poi l’interno dalla costa, dalla stazione di Centola ai piedi del Monte Bulgheria.
In Puglia dalla stazione di Ostuni si pedalerà fino alla Casa del Parco delle Dune Costiere attraverso il cicloitinerario lungo la via Traiana, mentre da quella di Maglie si arriverà a Lecce, e tra Martina Franca e Locorotondo le biciclette attraverseranno i caselli dismessi in Valle d’Itria. A Brindisi  “Cicloamici Lecce” pedaleranno alla volta di Brindisi per visitare la tratta ferroviaria Brindisi Centrale – Brindisi Marittima, un breve ma strategico tratto urbano dismesso nel 2006 dopo 136 anni di attività. Su due ruote ma anche a piedi è previsto un evento pensato per valorizzare il Parco Regionale Terra delle Gravine: da Castellaneta a Palagianello (dove è stata realizzata la prima tratta di 6 km di pista ciclopedonale sulla dismessa tratta ferroviaria), seguendo due percorsi diversi.
In Basilicata lungo la ex Linea Ferroviaria Potenza – Pignola è prevista una biciclettata per riattivare l’attenzione sulla realizzazione di un tracciato ciclo pedonale sulla ex tratta ferroviari a Potenza – Laurenzana, già in parte convertito a tal scopo.
In Calabria l’Associazione Ferrovie in Calabria organizza un treno storico a vapore Cosenza-Rogliano e ritorno, con escursione a piedi lungo la linea Pedace – S.Giovanni in Fiore mentre a Crotone presso la sede del Dopo Lavoro ferroviario ci sarà una tavola rotonda sul tema: “Rete ferroviaria jonica, una tratta storica:un presente di abbandono, Proposte per un riscatto nel futuro”. Da Soverato partirà una escursione a piedi sul tratto ionico dell’ex littorina che collegava Soverato a Chiaravalle Centrale, mentre da Foresta di Petilia Policastro inizierà una escursione – in bici, a piedi, a cavallo – che interesserà il primo tratto della ex ferrovia Crotone – Petilia Policastro, con partenza dall’ex casello ferroviario di Foresta, fino al ponte ferroviario che attraversa il fiume Tacina.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>