Settima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate: il Nord

Come dicevo ieri, per la Settima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate sono in previsione moltissime iniziative, e mi piace parlarne andando un po’ di più nel dettaglio. Oggi iniziamo con il Nord Italia.
In Piemonte si può andare in bici da Alessandria sulla dismessa Alessandria – Nizza Monferrato o sulla Chivasso – Brusasco – Brozolo – Crescentino – Verolengo – Chivasso attraversando il Monferrato. Altrimenti si può fare una bella passeggiata sui binari da Cherasco a Monchiero e proseguimento su Dogliani o visitare la mostra di documenti, modelli e parti staccate di macchine a vapore statiche e mobili con particolare attenzione alla locomotive a vapore a Dronero.
In Lombardia una infinità di iniziative. Chi ama camminare può fare una piacevole passeggiata lungo il sedime della vecchia ferrovia Grandate-Malnate, o da Airuno ad Olgiate Molgora (circa 2 Km che costeggiano a mezza costa l’ambiente particolarmente panoramico del Monte San Genesio), tra i mulini della Ferrovia della Valmorea, lungo il torrente Lanza in direzione della Svizzera, o seguendo la Voghera – Torrazza Coste – Codevilla – Retorbido – Rivanazzano Terme. Chi ama camminare può sennò partecipare all’escursione storico naturalistica – realizzata con il patrocinio dei Comuni di Bagnaria e Ponte Nizza – lungo un breve tratto dell’ex ferrovia Voghera – Varzi, per scoprire la storia legata al trenino che trasportava, fino a non troppi anni fa, pendolari e turisti lungo la valle Staffora. TrenoBlu organizza un viaggio nel verde del Parco dell’Oglio fino alle sponde del Lago d’Iseo in occasione della giornata nazionale delle “Ferrovie Dimenticate”, a bordo di carrozze d’epoca anni Quaranta.
A Varese alle ore 10,00, nella sede di Ciclocittà in via Rainoldi 14 a Varese, ci sarà la presentazione della proposta di “Osservatorio Rete Ciclabile Provinciale” e discussione sul contributo delle linee ferro-tranviarie dismesse. A Solbiate si terrà un incontro pubblico in cui, dopo una brevissima storia della vecchia ferrovia FNM Grandate-Malnate e delle ferrovie in area comasca, si passerà ad illustrare l’oggi e le nuove prospettive di recupero ciclopedonale del vecchio sedime, inserito, con un ruolo nodale, nel recentissimo Piano Regionale della Mobilità Ciclistica. A Cremona il Fiab Cremona con il DLF di Cremona, Legambiente e Guardie Ecologiche Volontarie, si impegneranno a pulire da rovi e detriti un tratto di ferrovia dismessa di circa due kilometri, che collega la città al fiume Po.

Scorcio invernale della Ferrovia Valmorea

Scorcio invernale della Ferrovia Valmorea

Gli amanti della bicicletta avranno l’imbarazzo della scelta: c’è una pedalata dal centro di Saronno Piazza Libertà attraverso i piccoli parchi e nelle strade di Saronno e Solaro Introini attorno alla tratta dismessa della ex-ferrovia Saronno-Seregno che va dalla località Solaro Introini alla stazione di Saronno FNM Cadorna; si percorre in bicicletta il tracciato della ex ferrovia Voghera Varzi, esplorandone i tratti recuperati e quelli ancora abbandonati; si pedala anche lungo il
vecchio sedime ” Ferroviario della Valmorea”, con soste nei punti più strategici nella storia della ferrovia.
In Veneto viene dedicato al tema delle Ferrovie Dimenticate la VII edizione del Festival Europeo del Gusto, che si terrà a Grantorto (Pd): i borghi segnalati dai giornalisti e dai comunicatori dell’Associazione L’Altratavola si incontrano per confrontarsi e raccontare le proprie esperienze. Chi vorrà potrà camminare lungo il vecchio sedime del trenino “Rocchette-Asiago”, che si snoda per 12 km circa con pendenze al 12% compiendo tornanti e passando vecchie gallerie curvilinee. Si terrà una visita alle infrastrutture del costituendo museo vivo della Valbrenta, area verrà totalmente riqualificata nell’ambito del progetto per la Ferrovia Turistica della Valbrenta che prevede l’effettuazione di treni turistici con materale d’epoca. Spazio anche per gli amanti della bici: è organizzata una biciclettata a sostegno della realizzazione della ciclabile sulla ex ferrovia Valsugana, ed una che seguirà il percorso della ferrovia abbandonata da Susegana a Montebelluna.
In Friuli Venezia Giulia si percorre la Sacile – Pinzano o “Pedemontana Friulana”, ferrovia chiusa nel 2012 e che così isola la provincia di Pordenone da alcune linee ferroviarie, in particolare per chi volesse usufruire dei treni speciali che da Udine vanno in Austria.
In Emilia-Romagna non si resta con le mani in mano: a Rimini c’è la presentazione del libro di A. De Cecco “L’Officina Locomotive di Rimini – Un’isola nella Città”,che analizza una importante area, oramai storica, all’interno della città di Rimini, l’Officine Manutenzione Ciclica ex Officine Grandi Riparazioni che ha quasi superato i 100 anni di attività. A Parma si pedala attraversando la città per percorrere un tratto di pista ciclabile che dalla città va a Bogolese, ricavata sul sedime della ferrovia Parma-Suzzara.
In Liguria sia va in bici lungo il sedime di un’autoguidovia (tracciato con pendenza costante) che saliva dalla Val Polcevera fino alla Madonna della Guardia, santuario particolarmente amato dai genovesi.

Un pensiero su “Settima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate: il Nord

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>