Saliamo sul Sahara Express, il treno più lungo del mondo

Il treno più lungo del mondo non può che muoversi in una regione molto grande, possibilmente dove la ferrovia fa meno curve possibile e il traffico è molto ridotto: il deserto del Sahara è un ottimo posto, quindi, per fare transitare un treno lungo oltre due chilometri.
Sì, avete letto bene: un treno lungo oltre due chilometri!
Sto parlando del cosiddetto Sahara Express, nome convenzionale che viene dato all’unico treno che corre lungo l’unica linea ferroviaria della Mauritania.
Sahara_Express_1Questa parte dal porto di Nouadhibou, affacciato sull’Oceano Atlantico e a pochi chilometri dalla frontiera con il Sahara Occidentale, forse uno degli stati più poveri del mondo. La ferrovia costeggia parallela il confine di stato fino ad incontrare inoltrandosi nel deserto: nei primi 460 chilometri ferma in sei punti, dove più che villaggi ci sono postazioni militari nel nulla, dove possono passare nomadi lungo piste carovaniere. Al chilometro 460 la prima stazione rilevante: quella di Choum, un agglomerato di nemmeno tremila persone, la cui unica rilevanza è quella di trovarsi all’incrocio tra il confine di stato, una via commerciale trans-sahariana e una pista che conduce alla capitale mauritana Nouakchott. Pensate ai villaggi nel nulla dei film western: ecco Choum.
Dopo altri duecento chilometri di deserto il treno finalmente arriva a Zouérate: è per collegare questo posto sperduto in un mare di sabbia, dove ad agosto la minima è di 26° e la massima anche di 47°, che oggi conta quarantamila persone, che sono stati realizzati i 650 chilometri di ferrovia.
Zouérate è infatti il principale centro estrattivo della nazione: ogni anno da questa miniera a cielo aperto, estesa per decine di chilometri quadrati, vengono estratti circa 15 milioni di tonnellate di ferro.
E ogni giorno 84 tonnellate vengono caricate sul Sahara Express e partono alla volta del porto di Nouadhibou. Il convoglio può contare fino a 210 vagoni, per una lunghezza di oltre due chilometri e mezzo: per spostare tutto questo peso (è anche il treno più pesante al mondo) servono almeno tre o quattro locomotori, che comunque non gli fanno superare i 35 chilometri all’ora di velocità. Un lunghissimo, pesantissimo e lentissimo serpentone di metallo. I duecento vagoni però non trasportano solo ferro: anche acqua, moltissima acqua per i bisogni di Zouérate.
E i passeggeri?
Sahara_ExpressC’è spazio anche per loro: se sono fortunati qualche carrozza apposita viene attaccata al convoglio, altrimenti si possono accomodare dentro i vagoni merci, e stare per la durata del viaggio scomodamente seduti all’aperto sul ferro estratto dalla miniera. Sperando di non incappare in una rovente tempesta di sabbia.
Il viaggio dura almeno 18 ore, condizioni meteo permettendo.
Per avere un’idea di cosa significhi questo viaggio ci sono le foto (che ho usato per questo post) del fotografo britannico Michal Huniewicz o il documentario di 45 minuti The Sahara Express di Bernhard Albrecht.
Un viaggio lontano dal turismo di massa? Un treno fuori dagli schemi? Direi che lo abbiamo trovato!

2 pensieri su “Saliamo sul Sahara Express, il treno più lungo del mondo

  1. Avevo già sentito parlare di questo treno e, quando andai in Senegal, arrivai fino ai confini con la Mauritania proprio con la ferrovia. Mi piacerebbe molto viaggiare attraverso il deserto col treno… non so con questo, ma mi piacerebbe.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>