Le Frecce contro il fumo

Il 31 maggio è la Giornata Mondiale Senza Fumo: l’obiettivo della campagna 2013 è quello di arrivare al divieto per ogni pubblicità, promozione e sponsorizzazione del tabacco. Dal 1988, quando è stata inaugurata questa iniziativa, in quel giorno si invitano i fumatori a tenersi lontano dal “vizio” per almeno 24 ore e a riflettere sui danni che il tabagismo porta.
Trenitalia appoggia e sostiene questa iniziativa e quindi dal 28 al 31 maggio sarà presente a bordo de le Frecce Trenitalia un team di 32 tra medici e specialisti dei Centri antifumo del Servizio Sanitario Nazionale, in collaborazione con lo staff dell’Osservatorio Fumo Alcol e Droga dell’Istituto Superiore Sanità, a disposizione dei viaggiatori per informare e sensibilizzare sui rischi per la salute associati all’uso di tabacco.
Una brochure informativa, a cura del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, oltre a un segnalibro e alla cartolina “Spegni l’ultima”, ideata dalla Fondazione Veronesi, saranno distribuite da martedì 28 a bordo di 17 Frecce che attraverseranno 29 grandi e piccole città italiane.
Per sapere su quali treni saranno presenti i medici ed i materiali informativi basta andare su questa pagina

“Spegni l’ultima” a Roma Termini

“Spegni l’ultima” a Roma Termini

Una maxi installazione a forma di sigaretta spenta, realizzata dalla Fondazione Umberto Veronesi, è stata allestita a Roma Termini dove rimarrà fino giovedì 30 maggio; da venerdì 31 maggio a martedì 4 giugno sarà installata a Milano Centrale.
Se qualcuno volesse poi avere una ragione per smettere di fumare, Trenitalia con l’ausilio della Fondazione Veronesi ne offre ben 14

Quando si fumava nei treni

Quando si fumava nei treni

Da conto mio, ricordo con spavento quando in treno, per penuria di posti mi toccava sedere nello scompartimento riservato ai fumatori: scendevo che puzzavo come un salmone norvegese affumicato. Questo vuol dire che viaggio in treno da un bel po’ di anni dal momento che nel 2003 è stato introdotto il divieto di fumo sui treni regionali, divieto poi esteso, nel 2004, a tutti gli altri convogli della media e lunga percorrenza, tra cui gli Eurostar. Nel settembre del 2007, grazie all’accordo con il Ministero della Salute, non è più consentito fumare nelle oltre 2mila stazioni italiane; in quelle principali Rete Ferroviaria Italiana ha introdotto apposite aree free smoking dove è possibile farlo senza danneggiare gli altri. Infine dal 4 marzo di quest’anno sono state bandite le sigarette elettroniche a bordo treno.

[Articolo pubblicato il 28 maggio 2013]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>