La montagna ed il topolino: le transenne a Firenze

« È la stampa, bellezza! La stampa! E tu non ci puoi far niente! Niente! » verrebbe da commentare.
Riassunto delle puntate precedenti.
Il 4 giugno l’amica VitadaPendolare scrive il pezzo Stazione di Firenze: il ricatto del facchino:

E’ così che il Blitz Quitidiano chiama quello che avviene tutti i giorni alla stazione di Firenze SMN. La notizia è presa dal Corriere Fiorentino di oggi.

La routine è questa: un gruppo di rom importuna i turisti spaesati tra i binari, fornendo loro le info che cercano o caricando i loro bagagli in treno. In cambio di tutto ciò ovviamente chiedono soldi. Il turista solitamente viene agganciato alle macchine obliteratrici, perchè è lì che va maggiormente in confusione.

Segue il mio pezzo del 9 luglio: A Santa Maria Novella ti vogliono portare la valigia
Due giorni dopo VitadaPendolare scrive Santa Maria Novella: si accede ai binari solo con il biglietto

Oggi sul sito di Repubblica.it (edizione Firenze) si apprende che da domani verranno presi dei provvedimenti. A far scattare la molla un tweet del neo-sindaco Nardella pubblicato ieri mattina: [...] Si legge su Repubblica: “Dopo una giornata di polemiche che rimbalzano sui social network e spesso si trasformano in lettere di fuoco indirizzate alle Ferrovie ma anche alle forze dell’ordine, nella serata di ieri salta fuori la decisione di accelerare. Di dare cioè il via già dal weekend a controlli speciali nell’attesa del grande piano “anti assalti”, con tornelli ai binari e un’area protetta per le biglietterie automatiche, su cui le Ferrovie lavorano da tempo tra i mille paletti imposti dalla Soprintendenza, visto Santa Maria Novella è anche il capolavoro di Michelucci.”

E dopo tanto clamore, arrivò la soluzione.
Da La Nazione del 13 luglio:

Il flusso dei passeggeri, all’arrivo e alla partenza dei treni, sarà regolato e controllato grazie a transenne posizionate nelle aree più critiche: le zone di accesso ai marciapiedi a servizio dei binari 8/9, 10/11 e 12/13. Le transenne saranno presidiate da personale delle Ferrovie.

Da Firenze Today del 20 luglio:

Per porre un freno alla deriva il Questore ha predisposto i presidi e le transenne all’ingresso che presto saranno fisse. Si passa solo con il biglietto. Dalle 7 alle 19, 30 agenti della Polfer e personale delle Ferrovie presidiano i binari dall’8 al 13.
La rivoluzione è piaciuta? I fiorentini hanno riempito di commenti i social con grande soddisfazione. Unico neo: perché solo i binari dell’Alta Velocità?
Ntv ha invitato le autorità ad estendere “le iniziative positive sperimentate a Firenze” a tutte le stazioni.

Transenne per regionali ed Alta Velocità

Transenne per regionali ed Alta Velocità

Immagino che questi raffinati oggetti di design, perfettamente integrati nella stazione capolavoro del Razionalismo (nessun sarcasmo, la Sovrintendenza alle Belle Arti si è interessata della cosa!) siano stati efficaci, dal momento che sono aumentati esponenzialmente.
Adesso le transenne sono presenti anche intorno alle biglietteri automatiche, dove stazionavano molteplici petulanti questuanti, e presso alcuni binari dove fermano i regionali. L’effetto non è gradevole, ma sembra funzionare. Qualcuno dice che si formano delle code, così, ma vi assicuro che c’erano anche prima.

Transenne, transenne ovunque

Transenne, transenne ovunque

La Polfer passeggia, ma ha ben poco da fare adesso perchè non si vedono più i “soliti noti” che fino a qualche giorno fa presidiavano la stazione.
Qualche considerazione sparsa: esteticamente sono semplicemente orribili, ma ho smesso di chiedermi chi in Sovrintendenza si occupi della Stazione di Santa Maria Novella. Consiglio non richiesto: ad uno degli ingressi esistono ancora i tornelli originali degli Anni Trenta: se vi volesse fare qualcosa di fisso si potrebbe partire da quelli per un progetto almeno filologicamente corretto (so già non sarà così). Per ora la situazione appare così tranquilla che tutto lo schieramento di forze (Polfer ed addetti alla sicurezza) è ridondante: vediamo quanto dura.

L'ordine regna sovrano!

L’ordine regna sovrano!

Infine mi piace concludere con la barzelletta della settimana, a proposito di questa stazione. Per potere impiegare queste transenne il sindaco Nardella ha dovuto consultarsi con il nuovo AD di Ferrovie dello Stato, Michele Elia.
Da Il Corriere della Sera del 18 luglio
«Abbiamo affrontato – ha spiegato Nardella – molti temi che riguardano la stazione di Santa Maria Novella. Elia mi ha assicurato che i lavori alla galleria commerciale sotto la stazione ripartiranno tra pochi giorni, così come quelli per la ciclostazione e la sistemazione delle aree esterne.»
Ecco, stai a vedere che le transenne mobili daranno vita alla nuova galleria commerciale.

2 pensieri su “La montagna ed il topolino: le transenne a Firenze

  1. Ma guarda.. sono appena partita con un treno regionale dal binario 1A. Entrando in stazione dal lato opposto al binario ho avuto modo di osservare: 1) file alle biglietterie che adesso si notano solo perché ordinate, ma come dici tu ci sono sempre state; 2) un uomo con le mani ed il volto pieno di sangue, seduto a terra accanto ad una delle transenne intorno alle biglietterie automatiche (all’altezza del binario 6). Non so cosa avesse fatto (inciampato sulle transenne?) ma era “circondato” da alcuni agenti; 3) due dei soliti noti che si gustavano la scena seduti all’inizio del binario 5; 4) due poliziotti tra il binario 1 e 1A a presidiare la zona dei treni regionali diretti verso Pisa (e quindi pieni di turisti che viaggiano verso l’aeroporto); 5) due delle solite note che indisturbate svolgevano la loro attività abusiva fuori e dentro il treno in attesa di partire al binario 1A.
    Non so a te, ma a me continua a non tornare qualcosa.
    Con tutto il rispetto per i fiorentini, il loro giudizio non sempre mi trova d’accordo. Diffido da chi ha sempre un motivo per lamentarsi e improvvisamente manifesta entusiasmo.

    • Dire che qualcosa non torna è limitante. Una soluzione abborracciata, applicata in maniera sciatta per un reale problema. Secondo me la serietà dell’operazione si vede tutta nel commento finale del sindaco. Voglio vedere questa situazione quanto dura: scommettiamo che a settembre/ottobre saremo da capo?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>