In treno in India: mucche e non solo nel racconto di Fabila

Quando Fabila nella sua intervista mi parlò dei viaggi in treno che aveva fatto, uno mi colpì particolarmente: quello in India. Soprattutto per la serie di foto di questo genere.

India-stazione

Muuuuuuuuu

Mucche a passeggio in stazione, mucche che spiano dai finestrini dei treni… e la classica immagina, propagata in una infinità di film, dei treni indiani con gente sui appollaiata ovunque, tetti dei vagoni compresi.
Non potevo non chiederle le sue impressioni, dunque!

C’è un motivo particolare se hai scelto il treno come mezzo di locomozione?
Siamo viaggiatori low cost e, il viaggio in treno notturno è senza ombra di dubbio un modo per risparmiare sull’hotel!

I biglietti sono economici, rapportati al costo della vita?
In India il treno è il mezzo di locomozione più usato da tutti. I prezzi sono variabili in base alla classe in cui si viaggia. I treni indiani per antonomasia, quelli, per capirci nei quali ci sono le sbarre al posto dei finestrini sono i vagoni sleepers, sono i più economici e, per un viaggio lungo non sono per niente confortevoli.
Oltre la classe sleepers, ci sono la terza classe, la seconda e la prima. Queste ultime due sono quelle più indicate per i turisti occidentali che intendono viaggiare in treno. La terza classe AC ha in ogni scompartimento 6 cuccette disposte in tre piani. Nella seconda classe AC invece in ogni scompartimento ci sono 4 cuccette. Nella prima classe AC c’è la possibilità di chiudere lo scompartimento e ci possono essere 2 o 4 cuccette.
La prenotazione deve essere fatta preventivamente e, riceverete via sms il numero di carrozza e di scompartimento il giorno prima del vostro viaggio. In alternativa, quando vi recherete in stazione potrete trovare su un’apposita bacheca il vostro nome con il numero di posto!

Che sensazioni ti hanno dato le stazioni che hai visto? C’erano, da quanto hai potuto notare, servizi ricettivi o turistici nelle stazioni?
Nelle stazioni in India si vede di tutto: un enorme bivacco dove, uomini, donne e bambini, mangiano dormono, chiacchierano e giocano. Una puzza immane nelle vicinanze dei binari; storpi e lebbrosi che chiedono la carità; mucche e cani che girovagano ovunque.
Descritta così può sembrare un girone dantesco! Comunque per i passeggeri di prima e seconda classe sono disponibili delle sale d’attesa e con aria condizionata. A Varanasi addirittura uomini separati dalle donne!

Il livello di comfort delle tue carrozze era molto distante da quello europeo?
Guarda, il livello di comfort in realtà non è molto distante dai treni europei…noi abbiamo viaggiato in seconda classe AC, in uno scompartimento da quattro diviso dal resto del vagone da tende. Il vero problema è la sporcizia: purtroppo i treni a lunga percorrenza arrivano a destinazione davvero pieni di immondizia! Comunque lenzuola ed asciugamani sono pulitissimi!

Com’era il panorama di cui hai potuto godere nei due viaggi?
Guarda, a parte che viaggiavamo di notte, ma dal vetro dei finestrini luridi davvero facevamo fatica a vedere il panorama!

In una tua foto ho visto una mucca sulla banchina della stazione: c’erano animali ­(sacri e non­) nelle carrozze?
No, a parte qualche cane randagio, solo mucche nella stazione… e la cosa più curiosa è che tutti ci deridevano perché le fotografavamo come se quelli strani fossimo noi! :­)
Comunque, per la cronaca, la mucca si trovava al terzo binario: era addirittura salita dal sopra­passaggio facendo le scale!

Hai socializzato con qualcuno?
Nel treno Varanasi­ – Delhi abbiamo chiacchierato con una ragazza che viaggiava con la madre. Ma comunque gli indiani che viaggiano in prima e seconda classe sono ricchi, colti e parlano un ottimo inglese!

C’era un vagone ristorante o qualcuno che passava col cibo?
In ogni stazione i venditori ambulanti vendono Chai (thè), bevande ghiacciate e riso che ti passano attraverso i finestrini, inoltre all’interno del treno si vende cibo e si può ordinare un pasto e scegliere tra menù veg o con carne.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>