Giornata Nazionale delle Ferrovie NON Dimenticate: treni storici e convegni

Come dicevo qualche giorno fa, quest’anno la Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate cambia nome e cambia durata!
Ed è giusto che sia così, perchè dopo 8 anni che a marzo se ne parla, si fanno incontri, si stimola l’interesse verso questo nostro patrimonio diffuso, è il caso di parlare di “Giornata Nazionale delle Ferrovie NON Dimenticate”
E poichè ogni anno gli eventi organizzati erano sempre più numerosi, una giornata, o un week-end non bastavano più.
E allora quest’anno la Giornata Nazionale delle Ferrovie NON Dimenticate durerà un mese intero.
Tra le tantissime iniziative presentate, voglio spendere qualche parola su quelle legate ai treni storici e su due convegni che ritengo molto importanti.

06 marzo 2016 - Treno storico a vapore Verona – Peschiera – Mantova
Organizzato dall’Associazione Veneta Treni Storici (che si occupa proprio del restauro dei treni d’epoca in convenzione con Fondazione FS, proprietaria dei mezzi e responsabile per la loro gestione) ha organizzato un’idea di viaggio-escursione in treno a vapore. Si partirà da Verona con il treno a vapore, a cui sarà attaccata una carrozza speciale per lebiciclette. A Peschiera del Garda queste verranno scaricate per la prosecuzione sulla pista ciclabile (lungo il tracciato della ex ferrovia Mantova-Peschiera) fino a Mantova dove, dopo una visita alla città e una pausa per il pranzo, si riprenderà il treno a vapore.
Possono partecipare all’escursione anche i non ciclisti, che proseguiranno il viaggio da Peschiera verso Mantova rimanendo a bordo del convoglio.

06 marzo 2016 – Treno storico Sulmona – Isernia di iniziativa Fondazione FS Italiane
Gli amici dell’Associazione Le Rotaie e della Transiberiana d’Italia non hanno bisogno di presentazione, vero? Partenza alle 9 da Sulmona, arrivo ad Isernia alle 13:50. In mezzo forse la più bella, affascinante ferrovia del Centro Italia. Di sicuro quella che più di tutte simboleggia il riscatto delle ferrovie turistiche!
locadina_fondazione_fs10 marzo 2016 – Convegno a Montecitorio: “Sul binario giusto”
Presso la sala Aldo Moro a Montecitorio ci sarà questa conferenza, il cui sottotitolo è: Esperienze e regole per promuovere la mobilità dolce a piedi, in bicicletta e in treno nel paesaggio italiano. Per dare idea di quanto sarà importante, mi limito ad elencare il parterre de roi che interverrà, e su cosa.
Di mattina ci saranno, Introdotti da Anna Donati, Presidente Onoraria di CoMoDo; Giulio Senes, Presidente European Greenways Association: Il recupero delle ex ferrovie come greenways; Giulietta Pagliaccio, Presidente FIAB: I grandi itinerari europei e la rete Bicitalia: opportunità di sviluppo; Ilaria Maggiorotti, Responsabile patrimonio immobiliare RFI: Il riuso delle ferrovie dismesse; Luca Bonechi, Presidente ARI: Riciclovie: un progetto di valorizzazione delle strade per il viaggio lento; Paolo Capocci, Umbria Mobilità: La realizzazione della Greenway Spoleto Norcia; Sandro Polci, Direttore Festival Francigena: La via Francigena e l’esperienza dei cammini; Massimiliano Vavassori, Direttore Centro Studi Touring Club Italiano: Mobilità dolce e turismo: quali opportunità?
Di pomeriggio ci saranno, introdotti da Massimo Ferrari, Vicepresidente CoMoDo: Luigi Cantamessa, Direttore Fondazione FS: Il successo dei treni storici e idee per il futuro; Onorevole Romina Mura, Commissione Trasporti Camera dei Deputati: Una norma di sostegno per le ferrovie turistiche; Silvio Cinquini, presidente Ferrovie Turistiche: L’esperienza italiana delle ferrovie turistiche; Claudio Colaizzo, Associazione le Rotaie: La Transiberiana d’Italia Sulmona Carpinone; Marco Stabile, Direttore esercizio Strutture Trasporto Alto Adige Spa: Ferrovie locali e ferrovie turistiche in Alto-Adige; Carlo Bellagamba, associazione FVM Fano-Urbino: Una ferrovia turistica da ripristinare; Luigi Mighali, AISAF Lecce: Il museo ferroviario della Puglia ed il treno storico Salento Express; Agostino Cicalò, presidente Confcommercio Sardegna: ByRails: l’innovazione che sorge dalla Terra degli Shardana; Marco Parini, presidente Italia Nostra: Ferrovie storiche: un bene culturale ed un valore economico.
Non so se ho reso l’idea :)

11, 12 e 13 marzo 2016 - Treni storici diesel Agrigento – Porto Empedocle
La Fondazione FS Italiane, con la Regione Sicilia e la Direzione Trasporto Regionale di Trenitalia, ha programmato ben 3 giorni di eventi in treno storico sulla Agrigento – Porto Empedocle. Dalla Stazione di Porto Empedocle Succursale, ubicata in pieno centro urbano e riaperta per l’occasione, in concomitanza con la Sagra del Mandorlo in Fiore, nelle giornate di venerdi e sabato, sarà possibile effettuare escursioni guidate tra il parco ferroviario di Porto Empedocle C.le ed il Giardino della Kolymbetra, uno tra i giardini storici più belli e ben tenuti d’Italia.

12 marzo 2016 – Convegno a Camigliatello: “Il Trenino del Parco”
Ho già parlato della battaglia e del sogno degli amici della Associazione Ferrovie in Calabria: recuperare la ferrovia Silana per avere un percorso ferroviario d’eccellenza. Sabato 12 marzo alle ore 16.00, presso il Centro Viste Cupone di Camigliatello, si svolgerà il convegno “Il Trenino del Parco”, organizzato da loro e dal Parco Nazionale della Sila. Associazione Ferrovie in Calabria presenterà uno studio di fattibilità relativo alla riattivazione della Ferrovia Silana tra Camigliatello e San Giovanni in Fiore per fini turistici (ma in determinate forme e tratte anche per servizi di Trasporto Pubblico Locale), con proposta per un recupero immediato di fondi per l’avvio dei lavori di ripristino della tratta, presentando poi il Protocollo d’Intesa che verrà stipulato con l’Ente Parco, per l’organizzazione di iniziative volte alla riapertura della storica tratta ferroviaria a scartamento ridotto. Sono con voi, ragazzi!

13 marzo 2016- Treno storico a vapore Cagliari – Carbonia Serbariu
Organizzato dall’Associazione Sardegnavapore, si terrà un viaggio lungo i tratti di linea ferroviaria attraversati, in un tempo molto lontano, dai treni delle Ferrovie Meridionali Sarde e oggi attrezzati per gli appassionati della Mobilita’ Dolce. Da Cagliari si arriverà alla stazione di Carbonia Serbariu e lì si potrà visitare la miniera-museo ed il borgo di Tratalias, oppure percorrere i circa 7 km della ex ferrovia mineraria tra Carbonia e Suergiu.

28 marzo 2016 – Treno storico Diesel Milano – Varallo Sesia
Organizzato da Fondazione FS Italiane a bordo delle carrozze d’epoca il treno partirà dal capoluogo lombardo alle otto del mattino per arrivare nella splendida valle incastonata tra le Alpi ai piedi del Massiccio del Monte Rosa. All’arrivo a Varallo (11:40) ci sarà la visita guidata alle bellezze della città. Durante il viaggio assaggio di prodotti tipici. IL treno del ritorno parte alle 17:00

04, 06 e 06 aprile 2016 – Quarta Maratona Ferroviaria Co.Mo.Do.
Questa volta la maratona ferroviaria partirà da Palermo con destinazione Napoli per dare un segnale di attenzione al Mezzogiorno i cui servizi ferroviari sono notoriamente in condizioni critiche (Trenitalia si ferma a Ferrandina), ma sono anche ricchi di potenzialità turistiche non valorizzate (gli amici della Ferrovia Silana che citavo prima).

Il mese della Mobilità Dolce terminerà con gli Stati Generali del Turismo MIBACT presso il Museo Ferroviario di Pietrarsa (NA), dove ci si arriverà un treno storico elettrico l’8 di aprile