Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate: serve il crowfunding

Qualche giorno fa vi parlavo dell’importanza delle Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, che vuole favorire il recupero e la valorizzazione dei tronchi ferroviari dismessi in Italia (circa 6000 km) attraverso la riattivazione del servizio o la trasformazione in piste ciclo-pedonali.
Con questa Giornata si vuole ribadire che il diritto alla mobilità per tutti i cittadini è sancito dalla Costituzione, che il collegamento ferroviario è fonte di sviluppo economico e che è di minor impatto sul paesaggio, che risulta fondamentale per raggiungere il posto di lavoro o il luogo di studio, che incentiva il turismo. In ogni paese europeo il traffico ferroviario è visto come un valore e la sua conservazione rientra tra le priorità nei programmi e nei finanziamenti pubblici. Ove la rete è gestita da privati, il suo valore economico non è messo in discussione e riceve sussidi pubblici per le sinergie con lo sviluppo del territorio.
Insomma, non esattamente come in Italia, dove bellissime linee alpine ed appenniniche non solo vengono chiuse, ma anche lasciate andare in malora, quando almeno trasformandole potrebbero portare turismo e generare quindi una spinta virtuosa all’economia.
Se anche voi, come me, credete in questa iniziativa ed in ciò che rappresenta, fate una cosa buona: donate!

Scorcio invernale della Ferrovia Valmorea

Scorcio invernale della Ferrovia Valmorea

Quest’anno per far vivere ancora la Giornata, Co.Mo.Do. ha attivato una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi e sensibilizzare sempre più l’opinione pubblica affinché continui la mobilitazione delle Associazioni ambientaliste per queste ferrovie dimenticate che ora corrono per il verde, un patrimonio di tutti gli italiani.
Per offrire un piccolo contributo alla Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate si deve visitare la pagina questo link
A cosa serviranno i fondi raccolti (e noto che cercano 3000 euro, non milioni…)?
- Costo dell’ufficio stampa per i rapporti con i media cartacei, tv radio e magazine e blog online.
- Gestione informatica del sito ufficiale e dell’aggiornamento quotidiano dei social collegati alla Giornata.
- Segreteria organizzativa per il coordinamento di eventi collaterali pre e post giornata (in particolare la Maratona di Turismo ferroviario lungo l’Adriatico da Rimini a Brindisi, Convegni, Concorsi).
- Organizzazione delle attività di Co.Mo.Do. per mantenere viva l’attenzione sulle tematiche della mobilità dolce e sostenibile durante tutto l’anno.
Tremila euro a fronte di seimila chilometri di ferrovie da difendere: direi che ne vale la pena, no?

.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>