Chi sono

Da piccolo il nonno mi portava a vedere i treni; più grande, sono stato pendolare. Con questa gavetta alle spalle scrivo di stazioni, ferrovie e treni. Nonostante ritardi, linee soppresse, architetture abbandonate e molte altre cose che non vanno, questo mondo fatto di traversine, viaggiatori e pensiline continua ad affascinarmi come tanti anni fa.
Per me muoversi a bassa velocità significa molte cose: fare del viaggio stesso una esperienza, portare rispetto verso i territori che si attraversano, prendersi il tempo necessario per godere di quello che si vede attorno a noi, e costruire un ricordo indelebile.
Viaggiare in treno può essere il modo migliore per realizzare tutto questo.
La linea ferroviaria, con i suoi orari fissi e le stazioni, esemplifica alla perfezione cosa amo e cosa voglio valorizzare. È un percorso scandito da soste prefissate, ed ognuna di loro può essere una tappa per l’esplorazione della realtà circostante: prendere una coincidenza è cogliere un’opportunità.

Interviste:
Non mi piace molto parlare di me, preferisco parlare delle cose che vedo e che scopro. Alla stessa maniera preferisco fotografare un paesaggio, il dettaglio di un ambiente, il profilo di una architettura che farmi un selfie.
Per questo, per sapere qualcosa di me è più facile seguire le interviste che mi hanno fatto.
La prima è stata la collega Pendolante, per le sue interviste pendolanti :)
Quando sono stato invitato come reporter a LaScatenata, uno splendido blog tour organizzato da DigitaSaluzzo, mi sono presentato così.
Con mia grandissima gioia Social Web Girl, che leggo con attenzione perchè è sempre ricca di consigli e suggerimenti per muoversi al meglio nel difficile mondo del Marketing, Web-marketing e Social Media Marketing, mi ha intervistato
BagExpress mi ha chiesto cosa ne penso di viaggi…e valigie!

Hanno parlato di me:
The Gate 309: 10 travel blog per 10 destinazioni
Finestre sull’arte: I migliori blog di viaggio secondo noi, ovvero: i nostri preferiti :-)
Intermundial: 8 travel blogger nostrani da non perdereIMG_20131209_022107
Collegamenti social:
Quando cinguetto sono Bassa Velocità
Quando pasticcio con filtri e foto sono
Bassa Velocità
Sono anche su GooglePlus qua
Questa è la mia pagina facebook
Per ogni altra cosa contattatemi pure all’indirizzo abassavelocita – chiocciola – gmail.com

15 pensieri su “Chi sono

  1. Anche mio nonno mi portava a vedere i treni!!! Alla stazione di Massa, per la precisione… A me piace(va) molto viaggiare in treno, passare lentamente da un paesaggio all’altro mi aiutava a pensare…spesso scrivevo delle lettere. Naturalmente prima della mia vita da pendolare addormentata della serie -oddio è già passata Carrara???- sulla rotta Torino porta nuova-Pisa, ovviamente. Oggi mi piacerebbe tanto prendere il treno, ma ogni volta che ci salgo è un tormento: ritardi, carrozze malconce…mi piange davvero il cuore. Proprio ieri volevo andare a Firenze, ma fra coincidenze di 5 minuti, e orati impossibili, l’unica soluzione era la “frecciabianca”. In 2 una cosa tipo 60 € fra A/R quanto ho speso per andare a Barcellona a dicembre. Alla fine, ciao ciao Firenze..Sono rimasta in zona :(
    Comunque, complimenti per il tuo blog!

    • Anche io un sacco di volte mi sono svegliato di soprassalto con la paura di essere già a Sarzana!
      Conosco bene il problema, il diretto per firenze o è prima delle sette oppure all’ora di pranzo, toglie del tutto la voglia di usare il treno per muoversi, soprattutto quando sia per costi che per velocità con la macchina si risparmia (a patto di non essere dissanguati dai parcheggi fiorentini!)
      Grazie mille per i complimenti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>