10 motivi per cui conviene essere pendolari

Tutti che dicono le peggio cose sull’essere pendolare, e che si lamentano, e si lagnano, e qui e lì e là.
Stolti!
Essere pendolare è bello, se sai come farlo.
Ci sono un sacco di vantaggi, spunti, occasioni e fortune nel fare i pendolari!
Ecco una sintetica lista in soli 10 punti

Tu non lo sai, ma è una fortuna essere pendolari

Tu non lo sai, ma è una fortuna essere pendolari

  1. Ok, ti svegli alle cinque del mattino, però in treno puoi dormire. Prova ad addormentarti mentre guidi la macchina per andare al lavoro…
  2. Sei religioso: ogni tratta ti abbuona i successivi due anni di bestemmie, tre genocidi, otto omicidi e dodici furti che compirai.
  3. Non sei religioso: se non fai una strage accumuli tonnellate di karma positivo.
  4. Una volta c’erano solo i Gialli Mondadori. Adesso mp3, ipod, iphone, tablet, kindle eccetera, eccetera, eccetera…
  5. Ti regala un sacco di tempo per leggere libri, rispondere alle mail, guardare l’ultima puntata del serial alla moda, o curare il tuo blog.
  6. Si tratta dell’unico ambiente dove è socialmente accettato farsi i fatti degli altri. In un treno pendolare zeppo di gente ognuno racconta i fatti propri senza pensare che magari i vicini scendono alla sua stessa stazione e lo conoscono.
  7. Se giochi bene le tue carte è un ottimo luogo per rimorchiare. Alla peggio, nella bella stagione, ti godi lo spettacolo di gonne corte, camiciette scollate e t-shirt attillate.
  8. Un anno di pendolarismo ti fa accumulare una marea di racconti, aneddoti e storielle con cui deliziare e tenere conversazioni in ogni pranzo, cena, serata o convivio.
  9. Qualsiasi cosa farai o dirai, dall’entrare nel KKK a vendere segreti militari alla Corea del Nord, sarai sempre giustificato perchè: poverino, è un pendolare.
  10. Puoi leggere un sacco di bei blog sul pendolarismo.

16 pensieri su “10 motivi per cui conviene essere pendolari

  1. se invece di pendolare uomo si tratta di pendolare donna, hai dimenticato una possibilità: lavorare a maglia (o all’uncinetto) senza essere continuamente interrotta da mariti/figli/nonni/zie, ecc.

  2. Sono stata pendolare per anni ed è stato il periodo in cui ho letto più libri.
    Mi è anche capitato di perdere la fermata al ritorno perché troppo concentrata nella lettura! Effetti collaterali :)
    Comunque preferisco di molto andare al lavoro a piedi o in bicicletta e leggere a casa sul divano o su una panchina al parco, era davvero troppo stressante alzarmi presto e correre in stazione!

  3. è vero! e in poco tempo a viaggiare in treno diventi esperto in psicologia, pedagogia, cucina, viaggi, tecnologia, ma anche antropologia e un po’ di zoologia :D

  4. preziosissimo decalogo da ricordare nei momenti bui di scioperi, ritardi, orari modificati alla peggio-non-posso. grazie a pendolante per la segnalazione del tuo blog!

Rispondi a Claudia Boccini Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>